Le rotte migratorie del Mediterraneo, dei Balcani e delle Isole Canarie: un aggiornamento

Dal 2014, 44.972 persone migranti hanno perso la vita mentre cercavano di raggiungere una destinazione internazionale. Almeno 18.503 persone sono morte attraversando la rotta migratoria più mortale, il Mediterraneo centrale.

Si stima che almeno 1.456 bambini, donne, uomini siano morti   nei primi 6 mesi del 2021 nel tentativo di attraversare il Mediterraneo per raggiungere l’Europa. I decessi lungo queste rotte sono raddoppiati rispetto allo stesso periodo del 2020. Inoltre, secondo l’agenzia di frontiera dell’UE, Frontex, il numero di attraversamenti delle frontiere attraverso la rotta balcanica è aumentato del 90% nello stesso periodo. C’è stato un continuo uso sistematico dei respingimenti lungo la rotta balcanica, il Mar Egeo e il Mediterraneo centrale che hanno minato i diritti dei richiedenti asilo. In un rapporto sull’incidente “Crimini contro l’umanità nell’Egeo”, pubblicato dal centro legale di Lesbo, su 17 episodi di espulsione collettiva registrati, “i beni dei sopravvissuti sono stati sistematicamente confiscati, compresi i loro documenti di identità e gli effetti personali: impedendo alle persone di documentare il crimine commesso contro di loro, ma anche privando gli individui dei mezzi per dimostrare la propria identità e le relazioni familiari in eventuali future richieste di protezione internazionale.” Questo rapporto mostra l’entità degli abusi che si verificano alla frontiera dove anche le persone migranti vengono picchiate e maltrattate mentre tentano l’attraversamento. Queste tattiche adottate dalle guardie di frontiera non sono isolate, ma sono diventate parte di una cultura sempre più ampia di abusi attraverso i confini esterni dell’Europa.

Quest’anno oltre 2.000 persone sono morte nel tentativo di attraversare l’Africa verso le Isole Canarie spagnole. La traversata dal continente africano verso Fuerteventura (una delle più grandi isole Canarie) dovrebbe richiedere circa 24 ore, tuttavia le barche di migranti sovraffollate non sono in alcun modo abili a viaggiare attraverso tratti cosi ampi di oceano. Nell’agosto di quest’anno, una nave da carico si è imbattuta in un motoscafo di plastica semisommerso a circa 150 miglia dalle Isole Canarie. L’equipaggio ha scoperto una donna di 30 anni della Costa d’Avorio che era l’ultima sopravvissuta di un gruppo di 53 persone partite dal confine con il Marocco 7 giorni prima. Mentre l’UE rivendica la responsabilità morale di difendere i diritti di asilo e garantire vie legali e sicure, il bilancio delle vittime lungo questa rotta migratoria da solo mostra come i confini europei rimangano in gran parte impermeabili per coloro che cercano rifugio.

In Bielorussia, almeno 8 persone sono morte mentre migliaia di migranti, compresi quelli provenienti da Iraq, Iran e Siria, hanno cercato di entrare nell’Unione europea nelle ultime settimane, ma sono rimasti bloccati in una zona di confine boscoso senza cibo o riparo, in temperature in calo sotto lo zero. Al confine abbiamo visto la strumentazione dei migranti che vengono sempre più utilizzati come pedine dal regime di turno. Ai non residenti, inclusi giornalisti e operatori umanitari, è stato impedito di entrare nella striscia di confine di 3 km poiché Varsavia ha dichiarato lo stato di emergenza per l’area interessata. La Polonia ha anche inviato altre 2.500 soldati nell’area per aiutare a prevenire gli incroci, con un totale di 10.000 truppe ora al confine.

Un numero crescente di persone migranti sta subendo respingimenti nel Mar Mediterraneo e viene riportato in Libia. Questo Paese non dovrebbe essere considerato un porto sicuro per lo sbarco, ci sono state numerose segnalazioni che attestano il trattamento brutale che le persone migranti subiscono nei centri di detenzione libici e innumerevoli accuse di violazioni dei diritti umani. A ottobre, le guardie libiche in un centro hanno sparato e ucciso almeno 6 persone dopo che le autorità avevano arrestato oltre 5.000 individui (compresi donne e bambini) nell’ambito di una repressione del traffico di migranti. Sebbene nessun trafficante di esseri umani fosse stato identificato o arrestato, durante la violenta repressione c’era stata una serie di abusi perpetrati contro i residenti nei centri libici. Gli investigatori incaricati delle Nazioni Unite hanno affermato che il maltrattamento endemico delle persone migranti in Libia costituisce un crimine contro l’umanità. Secondo il Consiglio d’Europa, c’è un “divario crescente nella protezione dei migranti nel Mediterraneo” e la mancata risposta alle chiamate di soccorso e il coordinamento dei respingimenti in Libia stanno mettendo ancora più in pericolo la vita delle persone.

Vie Sicure e Legali

Come accennato in precedenza, quando siamo inondati di aggiornamenti sul numero di vite perse in mare, possiamo reagire sviluppando un senso di apatia, i numeri sono difficili da digerire e le identità di coloro che effettuano traversate così pericolose possono essere perse all’interno della narrativa generale degli articoli. Queste persone sono bambini, madri, padri, persone in fuga dalla guerra, dalla povertà e in cerca di salvezza e di un futuro migliore. Dobbiamo continuare a sostenere percorsi alternativi di migrazione e aumentare la consapevolezza sull’importanza e la necessità di #VieSicureELegali per gestire il fenomeno migratorio in modo che le persone non debbano rischiare la vita per raggiungere un luogo sicuro. Per maggiori informazioni su cosa sono le vie sicure e legali e come possono essere implementate, accedi al blog qui.

Considerazioni finali

Ogni vita è importante, ogni identità è unica e ogni statistica è un essere umano. Le notizie sensazionaliste possono provocare un senso generale di stanchezza poiché ci sentiamo incapaci di contribuire a cambiare la storia e gli esiti, unendoti alla nostra campagna, puoi aiutare MOAS a raccontare un diverso tipo di storia – in cui ogni vita è valutata mentre chiamiamo sicurezza e vie legali.

Se sei interessato al lavoro di MOAS e dei nostri partner, seguici sui social media, iscriviti alla nostra newsletter e condividi i nostri contenuti. Puoi anche contattarci in qualsiasi momento tramite [email protected] Se vuoi sostenere le nostre operazioni, ti preghiamo di donare ciò che puoi su www.moas.eu/donate/

 

[donate_button_blog]

eupa logo