Giornata Mondiale dell’Alimentazione: partenariato locale e azione umanitaria

La Giornata Mondiale 2021 si celebra il 16 ottobre e il tema scelto per quest’anno è: “Le nostre azioni sono il nostro futuro. Una produzione, una nutrizione, un ambiente migliore e una vita migliori”. Istituita inizialmente per commemorare l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO), lo scopo di questa giornata internazionale è quello di migliorare la consapevolezza e l’azione globale verso le persone che soffrono la fame in tutto il mondo. La fame colpisce quasi il 10% di persone nel mondo ed e’ causata da conflitti, sistemi di disuguaglianza strutturale, pericoli naturali e cambiamenti climatici. La pandemia di Covid-19 ha ulteriormente esasperato l’insicurezza alimentare, peggiorata a causa della riduzione dei redditi e dell’interruzione di catene di approvvigionamento in tutto il mondo.

Gli attori globali, tra cui le agenzie delle Nazioni Unite, le ONG internazionali e i gruppi di aiuto internazionali e locali, si sono impegnati per ridurre la fame a livello globale tramite cambiamenti politici e assistenza umanitaria, ma nonostante questo 690 milioni di persone in tutto il mondo sono ancora denutrite.

L’aumento della frequenza e della complessità delle emergenze alimentari in tutto il mondo mette in evidenza la necessità di dispiegare aiuti umanitari mirati e creare partenariati duraturi con le agenzie locali per fornire aiuti in modo più efficace e contribuire al potenziamento delle competenze e delle capacità. Ecco perché, per celebrare la Giornata Mondiale dell’Alimentazione 2021, MOAS vuole sottolineare l’importante ruolo svolto dai partner locali che operano nei propri paesi per distribuire aiuti umanitari, in quanto aiutano la comunità a ridurre ed eliminare la malnutrizione tramite la pianificazione e l’implementazione di progetti a lungo termine.

L’importanza del partenariato umanitario locale

Il sistema umanitario globale è sovraccarico a causa dell’aumento del deficit di finanziamento, e i donatori internazionali stanno lottando per restare al passo con un sempre più alto numero di emergenze in tutto il mondo. Nell’ultimo decennio è stato fatto uno sforzo per “localizzare” gli aiuti umanitari, con l’obiettivo di costruire resilienza nelle comunità locali e promuovere le persone del luogo come “esperti” del loro ambiente e della loro comunità, piuttosto che adottare un modello di aiuto obsoleto dall’alto verso il basso, che continua a promuovere le gerarchie della conoscenza. Lavorare in partnership non è semplice: è un processo che richiede tempo e impegno in quanto le parti coinvolte devono lavorare insieme e allineare le loro priorità. In aggiunta, lavorare in partnership richiede un alto livello di fiducia, in quanto vengono condivise sia competenze e le risorse, sia le responsabilità.

Lavorare in partnership durante le emergenze umanitarie non è semplice, ma quando le organizzazioni creano partnership con agenzie locali, il cambiamento avviene più velocemente. I motivi sono molteplici, ma in particolare questo avviene perché le agenzie e le organizzazioni umanitarie si trovano in loco, hanno competenze e conoscenze specifiche sul posto e perché, in caso di emergenze o zone di conflitto, spesso possono accedere ad aree che i gruppi e le organizzazioni umanitarie internazionali non possono raggiungere. Le agenzie di aiuto locali includono ONG locali, gruppi della società civile e leader di comunità, governi locali e le persone colpite da crisi, compresi i rifugiati, le comunità ospitanti e i volontari. Sono i soccorritori sul campo pronti a rispondere alle emergenze e ai disastri.

MOAS e i suoi partner: cooperazione in Yemen e Somalia

Yemen e Somalia sono due paesi che necessitano di aiuti umanitari ora più che mai: conflitti persistenti e frequenti shock climatici hanno aggravato l’insicurezza alimentare e i livelli di malnutrizione, povertà e sfollamento di massa in tutti i paesi.

Per affrontare queste sfide, MOAS ha collaborato con le agenzie umanitarie locali in Yemen e Somalia creando partenariati al fine di poter spedire aiuti umanitari; in questi paesi, collaboriamo con diversi partner in diverse fasi del processo, dall’approvvigionamento delle forniture, alla distribuzione degli aiuti nel paese.

Il nostro partner di approvvigionamento per il cibo terapeutico è Edesia, un’organizzazione americana senza scopo di lucro nata nel 2009: produce alimenti specializzati pronti all’uso per curare e prevenire la malnutrizione infantile. In collaborazione con loro, dal 2019 abbiamo spedito 225 tonnellate di cibo terapeutico per l’infanzia. In Yemen per la fornitura di aiuti nutrizionali e farmaci di supporto collaboriamo con ADRA Yemen. Come dichiarato dal direttore dei programmi e delle partnership USG di ADRA in merito alla partnership con MOAS:

“In tutta onestà e senza esagerazioni posso dire che il supporto di MOAS negli ultimi anni è stato fondamentale per la nostra programmazione, specialmente per affrontare i casi di malnutrizione. La maggior parte della nostra programmazione è focalizzata sul salvataggio e nella gran parte delle tante strutture sanitarie in cui ADRA opera, avere un accesso prolungato ai materiali per la malnutrizione e agli integratori alimentari è una grande sfida. I prodotti alimentari fornitici da MOAS sono stati essenziali. Solitamente i materiali alimentari sono forniti senza che prima vengano valutate le necessità della famiglia, e le esigenze dei bambini vengono spesso ignorate o trascurate a causa di questa crisi su larga scala. E ancora una volta, è grazie al supporto di MOAS che ADRA è stata in grado di garantire una fornitura continua degli alimenti terapeutici. La catena di approvvigionamento in Yemen è molto debole e provata da una sicurezza instabile, per cui avere questo genere di supporto da parte di MOAS per i nostri interventi ci aiuta a mettere in atto una programmazione molto più incisiva”.

In Somalia, il nostro partner in loco per la distribuzione di alimenti terapeutici è International Medical Corps Somalia. Come ha dichiarato il nostro partner:

“International Medical Corps è grata a Edesia e MOAS per il supporto che consente ai nostri team di fornire servizi nutrizionali e sanitari in Somalia, e speriamo che continui a sostenere la nostra missione”.

Considerazioni finali

MOAS continuerà a lavorare e collaborare con i nostri partner per fornire supplementi nutrizionali salvavita e aiuti alle comunità più vulnerabili che necessitano di assistenza umanitaria. Per salvare vite umane ed evitare un ulteriore peggioramento della situazione, MOAS ha bisogno del vostro sostegno per poter continuare le consegne nutrizionali per i bambini che soffrono di malnutrizione acuta grave.

Se sei interessato al lavoro di MOAS e dei nostri partner, seguici sui social media, iscriviti alla nostra newsletter e condividi i nostri contenuti. Puoi anche contattarci in qualsiasi momento tramite [email protected]. Se vuoi sostenere le nostre operazioni, ti preghiamo di donare ciò che puoi su www.moas.eu/donate/