SOMALIA – La #MISSIONOFHOPE di MOAS, storie di successo

Si stima che in Somalia 5,6 milioni di persone (quasi la metà della popolazione) soffrono di malnutrizione acuta, con circa 2,8 milioni di individui non in grado di soddisfare il loro fabbisogno alimentare quotidiano. Le persone muoiono di fame e, come riportato dal team delle Nazioni Unite sul campo, le famiglie somale sono costrette a guardare i loro figli morire di fame, uno dopo l’altro, giorno dopo giorno.

Come abbiamo analizzato nei blog precedenti, i principali fattori di insicurezza alimentare in Somalia includono gli effetti combinati di precipitazioni irregolari, inondazioni, infestazione da locuste del deserto, gli impatti socioeconomici del COVID-19 e il conflitto in corso.

La comunità internazionale non può ignorare i bisogni urgenti dei cittadini somali. Grazie all’aiuto dei nostri partner Edesia e International Medical Corps Somalia, MOAS fornisce supplementi nutrizionali ai bambini sull’orlo della carestia. IMC è un’organizzazione globale, umanitaria e senza scopo di lucro dedicata a salvare vite umane e alleviare le sofferenze attraverso programmi di sviluppo e risposta alle emergenze. La loro missione è quella di migliorare la qualità della vita attraverso interventi sanitari, formazione sanitaria e attività correlate che migliorano la qualità di vita delle comunità svantaggiate di tutto il mondo accompagnandole nella transizione dal soccorso all’autosufficienza.

Di seguito una testimonianza sul campo che dimostra l’efficacia degli aiuti umanitari che stiamo fornendo nel Paese.

Testimonianza: la storia di Mohamed

Mohamed è un bambino di nove mesi che vive con la sua famiglia nel campo per sfollati interni di Midnimo, in Somalia, da quando i suoi genitori sono sfuggiti a una grave siccità nella loro regione d’origine. Nell’agosto 2021, la madre di Mohamed ha iniziato a notare un drastico cambiamento nella salute di suo figlio:

Quando mio figlio ha iniziato a mostrare segni come debolezza corporea generale, perdita di peso improvvisa e febbre, ho capito che qualcosa non andava in lui“.

Una volta che madre e figlio sono arrivati ​​al Midnimo PHU, una clinica sanitaria nel campo supportata dal IMC, i medici gli hanno diagnosticato una malnutrizione acuta moderata. Mohamed ha subito ricevuto un trattamento composto da Plumpy’Sup, integratori alimentari creati da Edesia Nutrition.

Dopo aver ricevuto 75 giorni di trattamento nutrizionale e supporto, Mohamed ha soddisfatto i criteri di dimissione.

Nelle parole della madre di Mohamed,

Sono contenta del personale della struttura sanitaria. Non è la prima volta che interagisco con l’organizzazione. Ricordo che quando mi è stata diagnosticata una malnutrizione acuta [mentre allattava suo figlio, ndr], ho ricevuto un trattamento in questa stessa struttura e sono stata ben curata, quindi ho deciso di portare anche mio figlio. È meraviglioso come il personale ci tratti con dignità e sia sempre cordiale”.

Considerazioni finali

Conflitti, cambiamenti climatici e la recente pandemia di Covid-19 continuano a colpire la Somalia, aggravando le sfide umanitarie. Si stima che nel 2022 circa 7,7 milioni di persone avranno bisogno di assistenza e protezione umanitaria e che purtroppo donne e bambini continueranno a sopportare il peso maggiore della crisi. MOAS continuerà a fornire integratori alimentari e aiuti umanitari alla Somalia per aiutare la popolazione.

 

Se sei interessato al lavoro di MOAS e dei nostri partner, seguici sui social media, iscriviti alla nostra newsletter e condividi i nostri contenuti. Puoi anche contattarci in qualsiasi momento tramite [email protected] Se vuoi sostenere le nostre operazioni, ti preghiamo di donare ciò che puoi su www.moas.eu/donate/