Rotte migratorie pericolose e Vie Sicure E Legali

Mentre l’attenzione del mondo è rivolta agli sviluppi del conflitto in Ucraina e dell’esodo di persone in fuga verso i paesi vicini, molte persone in cerca di salvezza nel mondo continuano ad intraprendere rotte pericolose, mettendo a rischio la vita. Vediamone alcune.

Rotta balcanica

Nell’ultimo anno, il numero di persone migranti che attraversano la rotta balcanica (che inizia in Turchia, passa per la Bulgaria o la Grecia e si snoda attraverso varie ex repubbliche della Jugoslavia) ha iniziato ad aumentare, anche a causa della recente crisi dell’Afghanistan. Secondo gli ultimi rapporti, 5.859 persone hanno utilizzato questa rotta nel 2018, numero che ha raggiunto 60.541 unità nel 2021. Le politiche punitive dell’Ungheria nei confronti delle persone migranti hanno lasciato centinaia di richiedenti asilo abbandonati nelle aree rurali della vicina Serbia. All’inizio di quest’anno, la Polonia ha annunciato di aver iniziato a costruire un muro da 353 milioni di euro lungo il confine con la Bielorussia, volto a impedire ai rifugiati di entrare nel Paese, mentre molte persone erano state in precedenza trascurate ai confini di questa rotta.

Mediterraneo Centrale

Secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite per le migrazioni, circa 70 persone migranti dispersi al largo delle coste libiche da febbraio sono ora considerati morti. Altre 22 persone hanno perso la vita dopo che 2 barche si sono capovolte di recente e si ritiene che il bilancio delle vittime nel Mediterraneo centrale sia di circa 215 dall’inizio dell’anno. Senza dimenticare che nel 2021 sono state registrate 1553 persone migranti annegate in questo tratto di mare .

Libia

Si stima che più di 12.000 persone siano attualmente detenute in 27 carceri in tutta la Libia. Le organizzazioni internazionali denunciano che oltre 20.000 migranti riportati in Libia dalla guardia costiera libica nel 2021 sono scomparsi. Ci sono state molte segnalazioni di ricatti ed estorsioni nelle carceri e nei centri di detenzione libici, in cui le persone migranti affrontano condizioni disumane e sono esposte alla violenza. Nel corso degli anni sono emerse molte testimonianze sulle tecniche violente utilizzate dalle guardie di detenzione per intimidire e sfruttare le persone intrappolate nei centri. Per coloro che vengono intercettati dalla guardia costiera libica, la detenzione può diventare una cruda realtà. Secondo i dati raccolti dall’UNHCR, su 15.000 persone sbarcate, solo 702 persone sono state rilasciate dai punti di sbarco nei primi 6 mesi del 2021. La Libia non è un porto sicuro per lo sbarco, abbiamo visto più volte le misure di sfruttamento e violenza adottato nelle strutture di detenzione e ci sono stati ripetuti resoconti della tratta degli schiavi dei giorni nostri in tutta la regione.

Ucraina

Secondo Filippo Grandi, capo dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, il conflitto ha innescato la “crisi dei rifugiati in rapida crescita in Europa dalla seconda guerra mondiale”. Più di 3 milioni di rifugiati sono fuggiti dall’Ucraina, creando una devastante crisi umanitaria. Sono per lo più donne e bambini. Leggi di più sul contesto dell’Ucraina qui. Mentre la crisi in Ucraina continua a svilupparsi, i paesi confinanti hanno aggirato le procedure stabilite per i rifugiati per consentire il movimento di massa di civili in fuga dal conflitto, attraverso il sistema di protezione internazionale temporaneo. Sebbene abbiamo assistito a risposte compassionevoli alla crisi in evoluzione, mentre la violenza si intensifica e il numero di rifugiati in fuga dall’Ucraina continua ad aumentare, ricordiamo che non bisogna perpetuare dinamiche di elitarismo alle frontiere e che tutte le persone vanno trattate equamente, garantendo che i cittadini di paesi terzi e i gruppi emarginati non siamo discriminati quando attraversano le frontiere e accedono ai sistemi di aiuto. In quanto ONG internazionale che ha risposto alle crisi migratorie in tutto il mondo, abbiamo sempre difeso i diritti dei richiedenti asilo e dato la priorità ai bisogni dei gruppi più vulnerabili, e oggi ribadiamo che tutti meritano eguale accesso al sostegno in materia di asilo

Servono Vie sicure e legali per salvare vite umane
Come accennato in precedenza, quando siamo sommersi da continui aggiornamenti sul numero di vite perse in mare, tali notizie possono instillare un senso di sconforto, i numeri sono difficili da elaborare e le identità di chi compie traversate così pericolose possono andare perse nella narrazione generale. Queste persone sono bambini, madri, padri, persone in fuga dalla guerra, dalla povertà e in cerca di sicurezza e di un futuro migliore. Dobbiamo continuare a sostenere percorsi alternativi di migrazione e aumentare la consapevolezza sull’importanza e la necessità di implementare #VieSicureELegali di migrazione in modo che le persone non debbano rischiare la vita per raggiungere la salvezza. Per “vie sicure e legali” intendiamo tutte quelle modalità di ingresso regolari che possano garantire un viaggio sicuro a tutte quelle persone che necessitano di protezione internazionale, affinché non siano costrette a mettere a rischio la propria vita per chiedere asilo. Un meccanismo attraverso il quale garantire un sistema di accoglienza e integrazione nel Paese di destinazione, un diritto al quale non hanno accesso coloro i quali arrivano attraverso canali irregolari.

Se sei interessato al lavoro di MOAS e dei nostri partner, seguici sui social media, iscriviti alla nostra newsletter e condividi i nostri contenuti. Puoi anche contattarci in qualsiasi momento tramite [email protected]. Se vuoi supportare le nostre operazioni, ti preghiamo di dare ciò che puoi su www.moas.eu/it/donate.