Integrazione immersiva: una gita a Gozo con le persone assistite a Malta da MOAS

Il gruppo ammira il panorama dalla Cittadella di Victoria.

Per la prima volta noi del MOAS abbiamo organizzato un’escursione a Gozo e Comino con un piccolo gruppo di giovani richiedenti asilo proveninenti da Somalia, Ciad e Sud Sudan da noi assistiti a Malta. La gita rientra nelle iniziative promosse da MOAS per assistere e fornire supporto sociale ai migranti sull’isola. Obiettivo del viaggio era di far trascorrere ai ragazzi migranti una giornata divertente, rilassante e tranquilla: una breve pausa lontano dallo stress della loro vita quotidiana. Inoltre, attraverso l’organizzazione di questo breve viaggio, abbiamo anche voluto dare loro la possibilità di scoprire, vivere e conoscere meglio l’arcipelago maltese, la sua storia e cultura, al fine di stimolare la loro integrazione nel Paese.

Il viaggio è iniziato presso il terminal dei traghetti di Cirkewwa, dove il gruppo si è incontrato di buon’ora una domenica mattina, pronto ad imbarcarsi verso Gozo per la giornata di esplorazione. Dopo essere saliti a bordo della nave in sicurezza, si e’ diffuso grande entusiasmo quando il traghetto ha iniziato il breve viaggio attraverso il Canale di Gozo. Durante la traversata, il gruppo ha guardato con eccitazione l’isola di Gozo farsi sempre più vicina, mentre si intravedevano anche Comino e la Laguna Blu, cui avrebbero dato un’occhiata più da vicino nel corso della giornata.

Il traghetto per Gozo che ha portato il gruppo al porto di Mgarr.

 

I ragazzi ammirano il panorama verso Comino.

Siamo arrivati ​​al porto di Mgarr, Gozo, poco prima delle 10 del mattino, dove abbiamo incontrato la nostra guida per la giornata. Da Mgarr, ci siamo diretti nell’entroterra verso la capitale Victoria (conosciuta anche come Rabat), nel centro dell’isola, per gustare alcuni dei piatti più famosi di Malta e conoscere meglio la ricca storia del Paese. La prima tappa a Victoria è stata un negozio di pastizzi per assaggiare alcuni degli snack di pasticceria più apprezzati del posto: fagottini ripieni di ricotta (pastizzi tal-irkotta) o di piselli al curry (pastizzi tal-piżelli). Dopo questa pausa gustosa, ci siamo poi diretti verso l’antica cittadella della capitale. Il gruppo ha girovagato per la fortezza, ammirando il panorama della distesa di Gozo e la bellissima architettura della cattedrale, esprimendo al contempo curiosità in merito alla sua storia, dimostrando il loro desiderio di saperne di più sul paese in cui questi ragazzi ora vivono.

La vista su Gozo dalla Cittadella.

Il gruppo si è poi diretto verso la parte occidentale di Gozo,  a Dwejra. Dopo una piacevole sosta per un caffè, abbiamo fatto una passeggiata verso il Mare Interno. Tutti hanno iniziato a scattare foto, mentre il gruppo ha mostrato il suo stupore per questa meraviglia della natura, formata da una laguna di acqua di mare collegata al Mar Mediterraneo attraverso un’apertura formata da uno stretto arco naturale.

Da Dwejra ci siamo spostati sul lato opposto dell’isola per esplorare le grotte di Tal-Mixta e scoprire le magnifiche sabbie rosse di Ramla Beach. Dopo aver ammirato la baia dalle grotte, ci siamo diretti verso la famosa spiaggia. I sorrisi brillavano tra i ragazzi del gruppo mentre si rilassavano, nuotavano e giocavano. Dopo esserci divertiti a Ramla Beach, abbiamo poi pranzato sul tardi in un ristorante nella città di Marsalforn, dove abbiamo ancora una volta assaggiato del cibo tradizionale maltese. Questa volta la nostra esplorazione della cucina ha incluso il riso maltese al forno (ross fil-forn), che è stato molto apprezzato da tutti.

Le grotte di Tal-Mixta.

Abbiamo quindi ripreso l’autobus per il porto di Mgarr dove siamo saliti su una piccola barca che ci ha portato all’isola di Comino. Qui il gruppo ha fatto una passeggiata attraverso l’isola fino a raggiungere la maestosa e riparata insenatura conosciuta come la Laguna Blu. Questa è stata sicuramente la parte del viaggio in cui è stato scattato il maggior numero di foto, poiché tutti nel gruppo hanno espresso la loro meraviglia nell’ammirare l’acqua limpida e cristallina che ricopre la sabbia bianca sottostante. La Laguna Blu è una delle mete preferite dai turisti, ed è diventata rapidamente anche la destinazione più amata dal gruppo. Dopo aver goduto lo spettacolare scenario di Comino, è stato difficile ripartire, ma alla fine risaliti sul traghetto per dirigerci verso la terraferma e concludere la nostra fantastica giornata.

Attraversando Comino.

Mentre attraversavamo il canale, i ragazzi hanno avuto l’opportunità di riflettere sulla giornata appena trascorsa e su quanto si fossero divertiti. Ecco alcuni dei loro pensieri:

“Ho vissuto davvero una bella esperienza. È stato molto rilassante e la Laguna Blu è meravigliosa.”

“Sono stato benissimo a Gozo. Possiamo tornarci il prossimo fine settimana?

I ragazzi ammirano la spettacolare Laguna Blu di Comino.

Considerazioni finali

MOAS si impegna costantemente per assistere migranti, rifugiati e richiedenti asilo a Malta attraverso diverse forme di sostegno e iniziative. Siamo molto felici che questo viaggio sia stato un successo e che sia stato apprezzato dai partecipanti. Attraverso diverse forme di intervento di MOAS, come visite ospedaliere, donazioni di beni, progetti educativi, speriamo di esprimere solidarietà, promuovere l’integrazione e donare momenti di gioia ogni volta che è possibile. Non vediamo l’ora di fare altre escursioni come questa in futuro.

Se sei interessato alle attività MOAS e a quelle dei nostri partner seguici sui social, iscriviti alla nostra newsletter e condividi i nostri contenuti. Puoi scriverci a info@moas.eu. Per supportare le nostre operazioni dona su https://www.moas.eu/it/donate/ o scegli di devolvere il tuo 5×1000 a MOAS https://www.moas.eu/it

Your help
gives them hope

Every life matters. We provide life-saving aid and medical care to the world’s most vulnerable migrant communities.

Donate Now

eupa logo