DICHIARAZIONE DI REGINA CATRAMBONE – Sulla tragedia nel Canale della Manica

“Non lasciamo che la Manica diventi un’altra fossa comune come il Mediterraneo” – afferma la co-fondatrice e direttrice della prima organizzazione europea a condurre operazioni SAR nel Mediterraneo per soccorrere le persone migranti, dal 2014 al 2017. 

La notizia che almeno 27 persone, tra cui bambini e una donna incinta, sono annegate nella Canale della Manica mentre tentavano di raggiungere il Regno Unito è straziante e terrificante. Non si tratta comunque di un fatto inatteso. Questa è una tragedia causata dall’uomo e si è verificata in un ambito in cui la vita delle persone e i diritti umani sono considerati meno importanti del consenso politico.

Come co-fondatrice e direttrice di MOAS – Migrant Offshore Aid Station, la prima ONG in assoluto a condurre missioni civili di ricerca e soccorso (SAR) nel Mediterraneo, ho assistito in prima persona agli orrori di coloro che annegano nel tentativo di raggiungere un luogo in cui possano vivere in sicurezza. Le politiche di respingimento o la creazione di ambienti ostili verso richiedenti asilo e rifugiati, tuttavia, non impediscono alle persone di prendere il mare. Il tragico bilancio delle vittime nella Manica di questa settimana, che si aggiunge alle 20.000 persone che sono morte o scomparse cercando di attraversare il Mediterraneo dal 2014, ne è la prova.

Ecco perché MOAS chiede al Regno Unito di abbandonare il suo approccio ostile verso coloro che desiderano chiedere asilo o protezione internazionale. Chiediamo invece l’immediata attuazione di tutte quelle #VieSicureELegali di migrazione che già esistono. Non si deve permettere che la Manica diventi un’altra fossa comune di persone innocenti sacrificate a politiche migratorie draconiane.

Le persone non mettono la loro vita nelle mani di bande criminali e prendono il mare su imbarcazioni pericolose perché ne ignorano i pericoli. Lo fanno perché sono disperati e non hanno alternative. MOAS ha salvato oltre 40.000 persone in mare tra il 2014 e il 2017. Molti di loro hanno condiviso con noi le loro storie: quelli che abbiamo salvato erano ben consapevoli dei rischi che stavano correndo.

I richiedenti asilo che sono arrivati ​​vivi sulle coste del Regno Unito sono iracheni, curdi e afgani. Bambini piccoli e neonati erano con loro. È stato riferito che gli arrivi includevano un soldato afghano che aveva lavorato con le forze britanniche e la sua famiglia. Secondo il Times, hanno dichiarato di non avere altra scelta che tentare il pericoloso viaggio attraverso la Manica dopo aver “aspettato a lungo l’aiuto” dalla Gran Bretagna.

È troppo facile dare la colpa di tragedie come quella a cui abbiamo assistito questa settimana alle bande criminali. Certamente, gli spietati trafficanti che traggono profitto dalle disgrazie dei richiedenti asilo disperati meritano la condanna e la punizione per i loro crimini. Ma il mercato per le loro attività di sfruttamento esiste in gran parte perché le autorità si rifiutano di onorare i loro obblighi nei confronti dei rifugiati e dei richiedenti asilo ai sensi del diritto internazionale.

Esistono numerose #VieSicureELegali che possono offrire alle persone il modo di spostarsi in sicurezza. I visti umanitari e i corridoi umanitari sono un sistema per mezzo del quale i rifugiati possono viaggiare in modo sicuro e legale. I ricongiungimenti familiari consentono alle persone migranti, in particolare ai minori senza un tutore, di riunirsi ai parenti stretti che si sono già trasferiti in un altro Paese.

Riconoscendo che coloro che cercano di raggiungere il Regno Unito possono offrire competenze preziose, i visti per motivi di lavoro andrebbero a beneficio del Paese e delle persone coinvolte, mentre i programmi per studenti e le borse di studio offrono una speranza alle generazioni future.

Troppo spesso in Europa e nel Regno Unito si pensa che la compassione è sinonimo di debolezza e che la migrazione rappresenta una minaccia per la nostra cultura. Vorrei chiedere quale tipo di cultura si vuole difendere, quando la mancanza di compassione consente alle acque intorno alle nostre coste di reclamare la vita dei disperati e degli innocenti. È troppo tardi per coloro che sono annegati nella Manica questa settimana, ma almeno lasciamo che questa tragedia serva come opportunità per implementare #VieSicureELegali in modo che altri non muoiano in mare in cerca di una vita libera dal pericolo e dalla miseria.

 

Regina Catrambone, co-fondatrice e direttrice di MOAS