Creatività e Natale!

Natale è alle porte! Questo periodo ci offre la possibilità di riflettere sull’anno che è appena trascorso e su tutte le cose che sono successe sia qui a MOAS che a livello globale. Abbiamo avuto la fortuna di fare una chiacchierata con Tom Edwards, il designer che ha realizzato il nostro video di Natale 2021, per saperne di più sul suo processo creativo e su come le sue idee hanno preso vita nella nostra campagna natalizia. Quindi, perché non sedersi con una bella tazza di tè e una fetta di torta o di panettone e ascoltare come Tom ha creato la nostra campagna natalizia e perché ha scelto di lavorare con noi a MOAS? Cominciamo.

Tom, molti anni fa hai creato il primo video animato di MOAS. Il processo creativo per i due video è stato diverso? Se sì, in quale modo?

Quando è stato creato il primo video animato, MOAS era una organizzazione appena nata e lo scopo di quel video era duplice. In primo luogo, volevamo far vedere al pubblico e ai potenziali partner l’entità della tragedia dei migranti che si stava svolgendo nel Mediterraneo e, in secondo luogo, volevamo dimostrare che MOAS aveva un piano operativo attuabile per mitigare quella tragedia e salvare vite umane. All’epoca esistevano pochissime fotografie utilizzabili e un budget limitato per la comunicazione, quindi impiegare schizzi a matita in formato video sembrava un modo economico e di grande impatto per comunicare visivamente la portata della crisi. Otto anni dopo la produzione del primo video, la missione di MOAS si è ampliata notevolmente e questo nuovo video è una rappresentazione più ottimista dei molti modi in cui le persone sono state aiutate e continueranno ad essere aiutate in futuro. Il nuovo video ha anche un tema inerente all’Avvento, quindi lo stile di disegno è un po’ meno serio dello stile utilizzato nel video originale.

Come è cambiata la tua pratica nel tempo?

Ho prodotto molti video animati in diversi stili e con vari gradi di movimento, ma il processo non è cambiato molto nel tempo. Di solito si inizia con molte descrizioni scritte e schizzi approssimativi per assicurarsi che tutto sia orientato nella giusta direzione. Se una voce fuori campo fa parte del video, di solito scrivo la sceneggiatura, ma spesso è un processo che implica una grande collaborazione. Quindi vengono create le risorse artistiche finali, viene registrata una voce fuori campo se necessario, il suono viene modificato se fa parte della produzione e quindi viene eseguito il movimento finale e l’editing del video.

Qual è il processo per la creazione di un pezzo animato come la campagna natalizia di MOAS?

Quando ho discusso per la prima volta del video di Natale con Christina e Regina, avevano già tre idee precise su come costruire il video, ma quando mi hanno parlato dell’idea del Calendario dell’Avvento, ho subito pensato che sarebbe stata l’opzione migliore. Con l’animazione, la bellezza è spesso una funzione del tempo, ma puoi spostare un po’ quell’equazione semplificando l’opera d’arte o semplificando il movimento. Proprio come il primo video per MOAS, l’idea del calendario dell’Avvento semplifica il movimento limitando qualsiasi movimento al calendario stesso. Quindi, la maggior parte del tempo di produzione è dedicata alla creazione dell’opera d’arte all’interno del calendario.

Da dove prendi ispirazione per le tue creazioni?

Mi piace lavorare con stili diversi, quindi posso trarre ispirazione da quasi cosa. Di solito, i dettagli di un progetto richiamano alla mente uno o due stili potenziali. Io presumo sempre che uno stile particolare sia ispirato da qualcosa che ho visto in passato, ma non sempre so quando o dove l’ho visto.

Qual è la parte più impegnativa del processo creativo?

Di solito, la parte più impegnativa del processo creativo, che si tratti di scrivere, disegnare o animare, è il momento in cui mi siedo per la prima volta davanti a un foglio di carta bianco o a una lavagna bianca su un computer. Anche se nella mia testa so dove voglio andare, c’è qualcosa di un po’ scoraggiante in quella pagina bianca, e immagino che molte persone la pensino allo stesso modo. Una volta che il primo paragrafo o un piccolo pezzo di uno schizzo viene messo su carta, tuttavia, è quasi come se il resto del lavoro iniziasse a germogliare organicamente.

Perché pensi che i video animati, come lo spot natalizio del MOAS, funzionino così bene tra gli spettatori?

Ogni volta che lavoro su un’animazione, uno degli obiettivi è rendere l’informazione trasmessa i

l più digeribile possibile per il pubblico previsto. Penso che la combinazione di immagini, movimento e suono possa aiutare a rendere le informazioni più interessanti e un po’ più organiche.

In che modo lo scopo di un progetto (raccolta fondi, advocacy, marketing, intrattenimento, ecc.) cambia il tuo approccio al processo creativo?

Di solito cerco di inserire un po’ di umorismo in un video, ma il primo video che ho fatto per MOAS è stato un buon esempio di un progetto in cui non c’era posto per l’umorismo, quindi lo scopo del progetto può cambiare drasticamente il mio approccio in alcuni casi.

 

Guarda il nostro video di Natale qui

Questo è il processo creativo alla base della campagna natalizia 2021 di MOAS. Ci auguriamo che l’intervista e il suo contenuto ti siano piaciute.
Per favore tagga @moas_eu e #MOASCHRISTMAS2021 quando vedrai il nostro video! E condividi la nostra campagna quando ne hai la possibilità; solo in questo modo possiamo continuare a far crescere la nostra comunità globale!