Giornata Mondiale della Prevenzione dell’Annegamento

Il 25 luglio segna la Giornata mondiale della prevenzione dell’annegamento, dichiarata nell’aprile 2021 dalla risoluzione dell’Assemblea Generale A/RES/75/273. Si tratta di un evento di advocacy globale che mira a evidenziare il tragico e profondo impatto dell’annegamento su famiglie e comunità, e mira anche ad offrire soluzioni per prevenire questo fenomeno. 

 

L’annegamento rappresenta la terza causa di morte per lesioni non intenzionali e la seconda causa di decessi legati a lesioni infantili in tutto il mondo. Secondo l’OMS, circa 236.000 persone annegano ogni anno. Oltre la metà dei decessi per annegamento sono tra quelli di età inferiore ai 30 anni, con i più alti tassi di annegamento tra quelli di età compresa tra 1 e 4 anni. L’annegamento è molto diverso da altri tipi di lesioni poiché il suo esito può essere determinato esclusivamente al momento dell’incidente. Ciò rende la prevenzione un fattore chiave nella lotta per ridurre decessi legati all’annegamento. 

 

Ci sono numerose cause che possono essere collegate all’annegamento, tra cui i viaggi in mare, in particolare su navi sovraffollate o mal mantenute, e disastri da alluvione. L’Internal Displacement Monitoring Centre (IDMC) ha pubblicato dati che mostrano che nel 2020 circa 30,7 milioni di persone sono state sfollate internamente a causa di disastri. Il cambiamento climatico ha particolarmente aumentato la portata e la frequenza dei disastri alluvionali, che a loro volta hanno portato ad un aumento del rischio di annegamento, in particolare nei paesi a basso reddito e nelle aree con urbanizzazione non pianificata, comune all’interno dei campi profughi. Questo aumento del rischio è stato visto in particolare nelle recenti inondazioni in Bangladesh che hanno portato alla morte di almeno 100 persone, così come in Pakistan dove sei persone hanno perso la vita a causa delle inondazioni causate da forti piogge. Anche la Costa d’Avorio e l’Australia hanno assistito a emergenze alluvionali all’interno del loro territorio, e hanno aumentato la consapevolezza sul tema del cambiamento climatico e su come questo stia mettendo a rischio la popolazione globale. 

 

È quindi chiaro che i cambiamenti climatici, e le conseguenti alluvioni che ne derivano, stanno diventando un’emergenza sempre più presente che richiede azione e consapevolezza. L’OMS ha fatto un elenco di misure che possono aiutare la prevenzione dell’annegamento. Tra queste, c’è il suggerimento di insegnare il nuoto, la sicurezza in acqua e le abilità di salvataggio sicuro, oltre a fornire formazione agli astanti in salvataggio e rianimazione. 

 

Riduzione del rischio di catastrofi e formazione MOAS sulla sicurezza delle inondazioni e dell’acqua 

 

In risposta all’elevato numero di decessi legati all’annegamento, MOAS lavora nel quadro della riduzione del rischio di catastrofi dal 2019, fornendo competenze tecniche e supporto ai partner locali per la fornitura di una formazione unica e innovativa sulla sicurezza delle inondazioni e dell’acqua. Il team di MOAS fornisce anche attrezzature sia ai soccorritori volontari delle comunità di rifugiati che alle comunità locali ospitanti. Questa formazione crea resilienza contro i rischi legati all’acqua, ma supporta anche l’auto-sviluppo, non solo fornendo ai volontari competenze e attrezzature, ma anche migliorando la leadership e le pratiche di lavoro di squadra. Questi programmi forniscono anche mezzi di sostentamento ai sarti locali che realizzano le attrezzature di sicurezza e ricevono competenze avanzate come parte del progetto. 

 

I consulenti tecnici di MOAS progettano strumenti su misura utilizzati dai nostri partner sul territorio per combattere questi problemi. Questi strumenti includono la formulazione di programmi di mappatura dei rischi e la riduzione del rischio di catastrofi, la progettazione e la prototipazione di attrezzature di sicurezza innovative e la creazione di corsi di formazione sulla sicurezza e i relativi materiali di apprendimento. MOAS non solo crea questi strumenti, ma li adatta per l’uso in contesti nazionali specifici e supporta i nostri partner nazionali nell’utilizzarli per implementare un’ampia programmazione per ridurre i rischi e rispondere agli incidenti in contesti reali. 

 

Attraverso i nostri incredibili partner globali, MOAS ha facilitato e supportato la formazione di migliaia di rifugiati e rappresentanti della comunità ospitante, e ha fornito ogni persona con una borsa da lancio progettata e prodotta localmente da MOAS. 

 

La formazione è rivolta anche alle donne, che sono agenti estremamente importanti per il cambiamento. Svolgono un ruolo significativo nelle fasi di risposta ai disastri e di ripristino. Tuttavia, nei campi profughi i loro ruoli nel processo decisionale organizzativo sono stati spesso trascurati, in particolare nella governance del rischio di catastrofi. Ciò ha creato problemi di equità tra le comunità più colpite dai disastri, poiché le donne offrono prospettive e indicazioni uniche quando hanno lo spazio per condividere le loro conoscenze e competenze. MOAS dà priorità all’inclusione delle donne nella formazione sulla sicurezza delle inondazioni e dell’acqua, in modo che possano essere agenti chiave nel disaster recovery e possano ottenere una formazione di leadership trasferibile. 

 

L’annegamento è la seconda causa principale di decessi correlati a lesioni infantili in tutto il mondo e la causa più comune di decessi correlati a lesioni tra i bambini sotto i 5 anni. Considerando l’esposizione ai rischi di annegamento nei campi profughi, vi è la necessità cruciale di progettare e attuare un programma di prevenzione dell’annegamento specificamente adatto all’ambiente e alla popolazione dei campi profughi. 

 

Come funziona la formazione offerta da MOAS? 

 

La formazione è progettata per migliorare la sicurezza dei membri della comunità e aiutarli a rispondere ai rischi posti dalle inondazioni e dai disastri legati all’acqua. Dopo una lezione teorica in classe, i volontari iniziano la formazione pratica a terra e in acqua e imparano come prepararsi adeguatamente per le inondazioni rapide e praticare le tecniche di risposta. Ai volontari viene insegnato come usare un sacchetto da lancio e un anello di bottiglia e imparano le tecniche di lancio sulla terraferma. Singoli volontari e squadre guadano l’acqua usando un palo, per identificare i pericoli nascosti. Imparano anche a guadare in fila, ad attraversare un fiume in modo rapido e sicuro, e come usare una borsa da lancio nell’acqua e salvare una persona dall’annegamento. Con la barca di sicurezza, i volontari imparano le tecniche di salvataggio se qualcuno viene trovato privo di sensi in acqua.  Le barche possono anche evacuare le famiglie dalle proprietà allagate e spostare le attrezzature essenziali. 

 

Rapporto MOAS sui bambini che annegano nei campi profughi 

 

Un bambino rifugiato Rohingya muore annegando quasi ogni mese nei campi sovraffollati del Bangladesh. Il rapporto MOAS “Investigating fatal childhood drowning incidents in the Cox’s Bazar refugee camps 2021” ha rilevato che almeno 20 bambini hanno perso la vita in incidenti per annegamento nei campi profughi di Cox’s Bazar in due anni. I principali fattori che influenzano il rischio di annegamento nei campi sono alti livelli di precipitazioni, ore diurne, mancanza di supervisione per i bambini e presenza di acqua raccolta nei siti. Gli incidenti mortali di annegamento tra i bambini sotto i 5 anni di solito si verificano se sono esposti a siti d’acqua raccolti (stagni e pozzanghere) mentre i caregiver sono occupati con le faccende domestiche. L’età delle vittime variava dai 2 ai 17 anni. Quattordici (70%) delle vittime erano maschi e sei (30%) erano femmine. Sei (30%) dei decessi registrati erano bambini sotto i 5 anni e quattordici (70%) decessi erano bambini in età scolare (tra i 5 ei 17 anni). Dodici (60%) di questi decessi si sono verificati in stagni, tre (15%) in canali, due (10%) in un profondo buco artificiale che aveva accumulato pioggia e uno (5%) ciascuno in un lago, un serbatoio e un secchio d’acqua. Leggi il rapporto completo qui:https://www.moas.eu/wp-content/uploads/2021/05/moas-investigating-fatal-childhood-drowning-incidents-2021.pdf 

 

 

Considerazioni finali 

 

MOAS continua a sostenere l’espansione dei servizi di riduzione del rischio di catastrofi, per garantire che il rischio di annegamento possa essere ridotto. Dati i diversi rischi associati alle fasce d’età e l’importanza della consapevolezza e delle capacità di soccorso della comunità più ampia, continueremo a fornire un approccio olistico alla formazione sulla sicurezza delle inondazioni e dell’acqua e alla prevenzione dell’annegamento. La preparazione alle inondazioni e la risposta all’acqua sono una priorità per MOAS, per mitigare il rischio e salvare vite umane. 

 

La nostra formazione può essere replicata in tutto il mondo, sia nei campi profughi che nelle comunità vulnerabili. 

 

Se sei interessato al lavoro di MOAS e dei nostri partner, seguici sui social media, iscriviti alla nostra newsletter e condividi i nostri contenuti. Puoi anche contattarci in qualsiasi momento tramite [email protected] Se vuoi supportare le nostre operazioni, ti preghiamo di dare ciò che puoi su www.moas.eu/donate/ 

 

[donate_button_blog]