12.1

Giornata Marittima Mondiale: sfide ed opportunità

La Giornata Marittima Mondiale è una celebrazione annuale istituita dalle Nazioni Unite in collaborazione con l’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO) per riconoscere il contributo dell’industria marittima allo sviluppo dell’economia mondiale. La Giornata Marittima Mondiale si tiene ogni anno l’ultimo giovedì di settembre e quest’anno si festeggia il 30 settembre.

Con l’obiettivo di celebrare il ruolo inestimabile che i marittimi svolgono per la catena di approvvigionamento globale e per aumentare la consapevolezza sul ruolo fondamentale dei marittimi nella sicurezza e protezione in mare, il tema scelto dall’IMO per il 2021 è “Seafarers: at the core of shipping’s future”.

Il segretario generale dell’IMO, Kitack Lim, ha invitato tutti gli Stati membri dell’IMO, le organizzazioni intergovernative e le organizzazioni non governative con status consultivo ad aderire all’iniziativa annuale di illuminare i punti di riferimento più iconici dei loro paesi, inclusi edifici, ponti, porti marittimi, navi, monumenti e musei in occasione di questa Giornata. Come ha affermato Kitack Lim: “l’iniziativa è uno sforzo simbolico per unire la comunità marittima e aumentare la consapevolezza del contributo vitale della navigazione per il mondo“.

L’importanza dell’industria marittima per l’economia e il commercio mondiale

Il trasporto marittimo rimane al centro dell’economia moderna muovendo tra il 70 e il 90 percento di materiali a livello internazionale, ed è il metodo di trasporto più efficiente ed economico per la maggior parte delle merci.

Le persone in tutto il mondo si affidano alle navi per trasportare merci, carburante, beni e prodotti da cui dipendono, e se si verificano problemi di trasporto marittimo, i ritardi si ripercuoto sull’economia mondiale, come è stato recentemente dimostrato dall’incidente che ha coinvolto l’Ever Given, la nave giapponese che per sei giorni ha bloccato una delle vie d’acqua più importanti del mondo, il Canale di Suez, causando enormi ritardi nelle consegne di prodotti in tutto il mondo.

Le spedizioni di MOAS in Yemen e Somalia

Come organizzazione umanitaria internazionale dedicata a fornire aiuti e soccorsi di emergenza alle comunità più vulnerabili in tutto il mondo, la missione di MOAS è fornire assistenza dove il bisogno è maggiore. MOAS ha lavorato duramente per consegnare alle comunità in crisi forniture mediche, cibo e altri beni di prima necessità fondamentali per la risposta e per la ricostruzione. La spedizione via mare è, in questo caso, il modo più sicuro e veloce per poterlo fare.

Dal 2019, MOAS opera in Yemen e Somalia: spediamo cibo terapeutico e forniture mediche ai nostri partner locali (Helvetas ed IMC Somalia) con l’obiettivo di curare la malnutrizione infantile e le malattie trasmissibili. Grazie a diverse partnership, nel 2020 siamo riusciti a spedire 4 container da 12 metri contenenti un totale di oltre 100 tonnellate di Plumpy’Doz, Plumpy’Sup e Plumpy’Nut in Yemen e una spedizione da 24 tonnellate di Plumpy’Sup in Somalia. Questi prodotti alimentari terapeutici pronti all’uso (RUTF) sono preparati in modo specifico per il trattamento della malnutrizione acuta grave nei bambini di età pari o superiore ai 6 mesi.

Nel 2021 abbiamo già spedito 75 tonnellate di supplementi nutrizionali e forniture mediche che saranno consegnati nei prossimi mesi in entrambi i Paesi. Con le nostre spedizioni, portiamo aiuti a persone e comunità vulnerabili che vivono in paesi dilaniati da guerre civili e carestie. Vogliamo avere un forte impatto e dare un contributo attivo: ascoltare le storie di bambini che sono guariti dalla malnutrizione grazie alle nostre spedizioni di cibo terapeutico ci dà la motivazione per continuare il nostro lavoro.

Le sfide che i marinai devono affrontare

In occasione della Giornata Marittima Mondiale è anche importante riconoscere il lavoro dei marinai che spesso si trovano a dover soccorrere persone in difficoltà rispettando il dovere stabilito dal diritto internazionale di prestare assistenza in mare. Insieme alle numerose navi di organizzazioni non governative (ONG) che operano attivamente nel Mar Mediterraneo, sono numerose le occasioni in cui navi mercantili, private o commerciali, hanno salvato persone in difficoltà da imbarcazioni non idonee alla navigazione.
Mentre svolgono il loro dovere di proteggere le vite umane in mare e garantire la sicurezza marittima, i marittimi devono spesso affrontare politiche europee e nazionali che ostacolano e condannano le loro azioni e che rifiutano il permesso di sbarcare le persone migranti in porti sicuri.

Inoltre, negli ultimi anni i marinai hanno dovuto affrontare un’altra grande sfida: lo scoppio della pandemia di Covid-19 che ha bloccato molte industrie e interrotto il flusso delle operazioni nei settori industriali. In questo scenario, i marinai hanno dovuto lavorare in condizioni difficili, incerte ed estremamente impegnative per continuare a soddisfare la domanda di beni mondiale.

Considerazioni finali

Il trasporto marittimo consente ai paesi di accedere a numerosi beni e prodotti provenienti da tutto il mondo, li aiuta a sviluppare le proprie economie e consente ad enti di beneficenza ed organizzazioni non governative di fornire aiuti umanitari ai paesi in cui è più necessario. Le numerose spedizioni umanitarie di MOAS in Yemen e Somalia stanno contribuendo a salvare i bambini dalla malnutrizione, ecco perché continueremo con il nostro lavoro in queste aree.

 

Se sei interessato al lavoro di MOAS e dei nostri partner, seguici sui social media, iscriviti alla nostra newsletter e condividi i nostri contenuti. Puoi anche contattarci in qualsiasi momento tramite [email protected] Se vuoi sostenere le nostre operazioni, ti preghiamo di donare ciò che puoi su www.moas.eu/donate/

 

[donate_button_blog]

 

eupa logo