MESSAGGIO DI PASQUA DALLA NOSTRA DIRETTRICE

07605_copyright_MOAS_Dale-Gillett

Per questa Pasqua 2018 il mio più sincero augurio è che risorgano i sentimenti di fratellanza, misericordia e solidarietà che sono stati accantonati per cedere a un egoismo disumano e pericoloso.

Lo scorso anno MOAS era in mare e portava a termine uno dei salvataggi più complicati della sua storia. A bordo con noi avevamo il conforto di Padre Regamy della diocesi tedesca di Colonia. Quest’anno invece siamo impegnati in Bangladesh per portare assistenza medico-sanitaria e aiuti umanitari ai rifugiati Rohingya e alle comunità locali che li ospitano.

Dal 25 agosto 2017 il Bangladesh ha accolto oltre 671.000 Rohingya in fuga dal Myanmar. Questo nuovo esodo si somma ai precedenti, mettendo a dura prova le limitate risorse di un paese a reddito medio-basso e frequentemente colpito da catastrofi naturali.

Nonostante le difficoltà incontrate nell’accogliere un numero così alto di disperati, il Bangladesh non ha mai chiuso le frontiere: pur senza adeguato sostegno da parte della comunità internazionale, il Bangladesh continua ad accogliere i fratelli e sorelle Rohingya che sopravvivono a inaudite violenze e durissimi viaggi. Ora il paese si prepara ad affrontare un’ulteriore sfida: l’arrivo dell’imminente stagione dei cicloni, cui seguirà la stagione monsonica, aggraverà ulteriormente il bilancio di decessi e danni, distruggendo il precario equilibrio creatosi sul campo.

La mia speranza è che a risorgere quest’anno sia il coraggio di chi opera per il bene, di chi agisce al servizio dei vulnerabili, di chi non si arrende al male in pericolosa ascesa. Mi auguro che dentro di noi risorga la nostra umanità sopita e che torniamo a scorgere nell’Altro un membro della grande famiglia umana cui tutti apparteniamo.

Dobbiamo essere in grado di mantenere accesa la speranza nei nostri cuori e in quelli di chi soffre. 

La Pasqua di resurrezione ci ricorda che, anche nei momenti più bui e disperati, non siamo mai soli, ma possiamo sempre contare sull’amore divino e sul sostegno di tutti gli uomini e le donne che incessantemente si adoperano per rendere questo mondo un luogo più accogliente e giusto.

Nel buio di una pericolosa indifferenza e di un disumano razzismo moltiplichiamo i gesti gentili per diffondere un messaggio di pace, speranza, misericordia e solidarietà.

Dona ora per aiutarci ad affrontare cicloni e monsoni: www.moasfundraising.com/campaigns/emergency-cyclone-and-monsoon-appeal-2018/. Seguici su Twitter, Facebook e Instagram per condividere le nostre storie o iscriviti alla nostra newsletter in fondo a questa pagina.